Pasta

Culurgiones
Sono i ravioli tipici dell’Ogliastra anche se consumati in tutta la Sardegna. La pasta è ottenuta miscelando semola di grano duro e uova, mentre il ripieno è composto da patate e formaggio. Vengono confezionati e chiusi a mano e tale operazione richiede una certa abilità. Si possono consumare con ragù di carne importanti, con un semplice sugo a base di pomodoro fresco oppure semplicemente con un po’ di burro e salvia.

Filindeu
E’ una pasta ottenuta mescolando la semola di grano duro con l’acqua. Vengono poi formati dei fili sottilissimi simili a capelli che vengono sovrapposti in 3 strati quasi a formare una garza. Una volta esiccati vengono poi spezzati e cotti nella minestra preparata con brodo di pecora e formaggio. E’ tipica del nuorese.

Fregula
Questo tipo di pasta ricorda il couscous poiché è formata da piccole sfere irregolari che sono ottenute strofinando la semola grossa sulla parete di un recipiente di coccio (sa scivedda). Viene spesso servita in forma brodosa o in forma più asciutta. Solitamente condita con pomodoro e arselle.

Lorighittas
Il confezionamento di questo tipo di pasta richiede una buona abilità manuale. Le lorighittas si ottengono da spaghetti che vengono attorcigliati su loro stessi a cordoncino per poi essere chiusi ad anello. Sono tipiche di Morgongiori, un comune in provincia di Oristano. Venivano anticamente prodotte per la festività di ognissanti. Oggi sono confezionate e consumate tutto l’anno.

Malloreddus
Sono conosciuti anche come gnocchetti sardi e si ottengono dalla semola di grano duro e farina di frumento. Sono diffusi in tutta la Sardegna ma sono originari del Campidano dove vengono serviti con un ragù a base di salsiccia fresca, un po' di pecorino grattugiato e un pizzico di zafferano.

Culurgiones
Fregula
Malloreddus